Allevamento di Casa Manisi

 

Home    Dove Siamo   Contatti   Expo SAS   I Nostri Cani  Accoppiamenti e Allevamento   Photo Gallery  Link  

 

Addestramento ed Educazione

ALCUNI CONSIGLI UTILI PER FARSI CAPIRE DAL CANE

Il cane, sia nella fase d'addestramento sia in quella educativa presso il padrone, deve sempre portare un collare e un guinzaglio (circa mt. 1). Tutti i comandi vengono dati una sola volta, se il cane al comando non esegue subito l'ordine o lo esegue in modo molto lento, si deve intervenire manualmente.

Non tutti i giorni il cane può lavorare bene perché anche lui può essere soggetto a malattie e a giorni di scarsa attitudine al lavoro.

   • Durante l'addestramento é necessario imprimere nell'animo del cane l'associazione (concatenazione) tra l'ordine del conduttore e d'esecuzione dell'esercizio che si ottiene con la ripetizione dell'esercizio sempre alla stessa maniera.

  • Gli esercizi dovranno essere comandati sempre con lo stesso tono poiché il cane è incapace di comprendere il significato grammaticale delle parole, ma pone in rapporto l'esecuzione del comando con il tono della voce con cui viene impartito.
Per ottenere movimenti rapidi vengono adoperati suoni brevi e taglienti, mentre quelli chi indicano azioni più prolungate richiedono comandi lunghi e toni meno secchi. Comandi emessi dal conduttore in stato di agitazione portano il cane ad eseguire gli esercizi con dubbio e confusione.

• L'addestramento deve essere graduale. Non si passa all'insegnamento di nuovi esercizi se il cane non ha ben capito quelli precedenti.
Ogni desiderio di abbreviare e di stringere tempi porta irrimediabilmente al fallimento. Il cane ha bisogno "differire" ciò che ha appena appreso.

• Lavorare con il cane a digiuno (da almeno 12 ore) preferibilmente prima del pasto il quale servirà come premio al termine della lezione.

• Cambiare sempre il luogo delle lezioni. Nel territorio di casa il cane, in genere, non apprende mai bene a causa delle inevitabili distrazioni.

• Le lezioni devono essere affrontate dal conduttore con la massima fiducia e massima serenità. Gli scatti d'ira e la pretesa di scaricare sul cane tutta la tensione della giornata o i familiari, portano immancabilmente al fallimento nell'addestramento. Se le condizioni di umore non fossero perfette e meglio rimandare la lezione ad un momento più propizio.

* Ad ogni inizio e ad ogni fine di lezione è necessario giocare molto con il proprio cane.

Le lezioni devono essere molto brevi e decise; le pause molto allegre. L'ideale sarebbe poter dedicare all'addestramento, 20 minuti al mattino e altrettanti al pomeriggio intervallati da una pausa di 3-4 minuti.

• Quando il cane é stanco, é controproducente insistere con l'addestramento;

• I movimenti del conduttore devono essere sempre energici e dinamici senza arrivare mai alle cattive maniere

• Gli ordini dovranno essere impartiti in modo imperativo, senza dilungarsi in lunghi dialoghi che l'animale non comprende. Ha molto più effetto un deciso "colpo di mano" che un inutile e fastidioso "urlo".

• Agire con fermezza e metodo nella repressione.

• Una carezza della mano deve essere accompagnata da una carezza della voce.

• C'é un tono particolare per i rimproveri diverso da quello per i complimenti; tutti e due diversi da quello per il comando.

- Tono del comando: netto e preciso, senza ripetizioni. Deve rifletter una forte personalità e una costante autorità senza mai arrivare alla brutalità.

- Tono del rimprovero: duro, imperioso, cattivo e minaccioso, molto diverso da quello del comando.

- Tono del complimento: dolce, affettuoso, gioioso e accompagnato dalla carezza con la mano.

• Mai porre fine all'addestramento prima che il cane abbia realizzato l'esercizio ordinatogli: consentire ciò anche una sola volta creerebbe successivamente un'abitudine di indisciplina molto difficile da eliminare

Il primo esercizio che il cane apprende è andare al piede.il cane deve seguire il conduttore con la testa molto vicina al suo ginocchio. Il comando è: PIEDE (FUSS). Questo comando sarà dato ad ogni ripartenza da fermo e ad ogni cambiamento di andatura (normale,piano,veloce) o quando si cambia di direzione (destra, sinistra, dietro front). Se il cane non esegue bene l'esercizio di condotta (resta troppo indietro, va troppo avanti oppure si sposta lateralmente), si interviene dando dei piccoli strappi con il guinzaglio in direzione del nostro ginocchio. 

LA CONDOTTA VIENE ESEGUITA SEMPRE AL LATO SINISTRO.

  I piccoli strappi sono dati dopo aver impartito l’ordine PIEDE (FUSS). Per far sì che il cane esegua in modo corretto l’esercizio di condotta, ci si deve munire di piccole leccornie (biscotti, carne, wurstel..). Quando esegue bene l’esercizio si da una piccola ricompensa.

NELL’ESERCIZIO DI CONDOTTA IL GUINZAGLIO NON DEVE MAI ESSERE IN TIRO…

RICORDATI CHE IL CANE HA SEMPRE BISOGNO DELLE TUE LODI E CAREZZE.

  Quando ci si ferma si deve dare il comando: SIEDI (SIETZ) una sola volta e con tono molto fermo; attendere qualche attimo fino che il cane abbia assunto la posizione di seduto. Anche quest’esercizio richiede, specialmente la prima volta, qualche aiuto da parte del conduttore, sia con carezze e premi, quando questo è eseguito in modo soddisfacente, oppure con l’intervento manuale da parte del conduttore se il cane non esegue l’esercizio.

Molte volte è sufficiente aiutare il cane a sedersi tenendo il guinzaglio un po’ teso verso l’alto; se non è sufficiente si procede nel modo seguente: il guinzaglio è tirato verso l’alto e contemporaneamente con la mano sinistra faremo una piccola pressione sulla groppa del cane.

Quando il cane è seduto possiamo ordinare: RESTA (BLEIB) oppure il TERRA (PLATZ).

L’ordine RESTA è dato in modo fermo e girandosi verso il cane con la mano aperta a poca distanza dal muso dello stesso, ci si allontana, le prime volte controllando sempre il cane con la coda dell’occhio per alcuni metri: 5 – 10 – 15 – 50 – 100 – 200 etc…; la distanza è aumentata a poco a poco, quindi ci si gira e dopo alcuni secondi, a poco a poco si aumenta il tempo d’attesa, si chiama il cane.

Il cane verrà a sedersi di fronte a voi e in questo momento è molto importante dargli un premio e farlo subito giocare (prima di giocare il cane deve essere nella posizione di seduto). RICORDATI: UN CANE VIENE VOLENTIERI SOLAMENTE SE HA AVUTO ESPERIENZE POSITIVE CON IL PROPRIO PADRONE E NON CERTO SE AVVICINANDOSI A LUI, NE’ HA RICAVATO DELLE PERCOSSE.

  L’ordine TERRA deve essere dato in modo duro e secco. Ci si allontana dal cane dando l’ordine RESTA.

 Anche se il cane sa fare molto bene quest’esercizio esso deve avere sia il collare sia il guinzaglio. Dobbiamo sempre ricordarci che il cane non è una macchina e che può sbagliare.